Effetto Sirchia: una famiglia di pastori tedeschi abbandonata

Cani, padroni & multe

La storia del gatto


Il terranova bagnino per vocazione


Il riccio, abile nuotatore


L'oca da guardia


Gatta salva agnellino dall'annegamento


Arrivano occhiali sole per cani


Fido contro il terremoto

Arte bestiale e altre stranezze


Anima gemella per cani e padroni

La minaccia dei corgi

L'acquario senza acqua

Ah, l'Amour!


Il cane in auto



CANI, PADRONI & MULTE
Tratto da Donna Moderna – numero 43/2003

Il Ministero della Salute in settembre ha emanato un’ordinanza severissima che riguarda le razze di cani pericolose. E che potrebbe essere modificata nelle prossime settimane. Ma intanto i padroni come devono comportarsi?
Ecco i punti fermi da tenere a mente prima di uscire con il cane.
Per la strada. Sull’ordinanza si è fatta parecchia confusione. “Per esempio, l’obbligo di ginzaglio e museruola era già previsto” dice l’Avvocato Domenico Marzano dell’Enpa (Ente Protezione Animali). “La legge, in vigore da tempo, dice chiaramente che gli animali, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, devono essere tenuti al guinzaglio e portare la museruola. Quindi raccomando di farlo sempre, per essere sicuri di non infrangere le regole. Diversamente, nel momento in cui il vigile fa la multa, la contravvenzione va pagata, indipendentemente dalla razza e dal carattere del cane”. In più, le sanzioni, stabilite dai Comuni, sono diventate molto salate, in alcuni casi si arriva a 1.300 euro. L’ordinanza del ministro Sirchia, però, ha anche imposto alle razze ritenute pericolose (nel momento in cui scriviamo sono una novantina, cioè quelle che appartengono al gruppo 1° e 2° della classificazione della Federazione cinologica internazionale) di avere una polizza assicurativa di responsabilità civile contro terzi. Dove farla? Qualsiasi assiccuratore la propone. Ma la offre persino la Posta, se si è titolari di un Conto BancoPosta (la polizza costa 4,33 euro al mese). Per controllare se il proprio cane rientra in una delle categorie si può contattare l’Enci, Ente Nazionale cinofilia italiana allo 0270020324; www.enci.it, oppure www.selectyourdog.it/razze
In viaggio. Neppure per il trasporto in automobile ci sono nuove regole. Sono cambiate, però, le sanzioni, diventate molto più severe. In più, il padrone che infrange la legge perderàò preziosi punti sulla patente.
In breve: l’articolo 169 (comma 6) del Codice vieta di tenere sul sedile posteriore più di un animale. Non solo: il cane non deve ostacolare la guida. Per esempio, non può avere la possibilità di saltare davanti o dare zampate a chi è al volante. Quindi, per ragioni di sicurezza, va messo in gabbia, dietro una rete divisoria o, in alternativa, legato a un nuovo e speciale guinzaglio che lascia l’animale libero di muoversi, ma in uno spazio circoscritto. È un accessorio che da una parte si fissa al collare e dall’altra alla fibbia di aggancio della contura di sicurezza e che costa circa 25 euro (per informazioni, manda un’e-mail a originalpet@infinito.it oppure telefona allo 0571261601). Chi trasporta due cani, dovrà sistemarli nel bagagliaio provvisto di rete divisoria oppure nelle apposite gabbie.
Chi non osserva queste regole è puntio con una sanzione che va dai 68,25 ai 275,10 euro (secondo quanto decide il vigile) e con la decurtazione di un punto sulla patente. Se però il conducente è un neopatentato, ciè se guida da meno di 3 anni, perderà due punti.

Sara Uslenghi

<< Indietro





Notizie Flash Curiosità e Notizie Cura il tuo animale Forum Rubriche

Commenti e segnalazioni molto gradite a info@baubaunews.it